FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

ANGELA BARTOLOMEO | Wedding Planner, Roma
info@angelabartolomeo.it | +39 366 547 2983

Skip to Content

Blog Archives

WEDDING PLANNER : I 5 ASSI NELLA MANICA CHE UN PROFESSIONISTA DEL MATRIMONIO DEVE AVERE

Essere una professionista del matrimonio significa avere estro, buon gusto eleganza e una buona dose di analisi psicologica. Una wedding planner di successo deve possedere una giusta ambizione e ottime doti organizzative, deve essere propensa a sacrificare tutti i weekend e le estati e avere grandi capacità di problem solving.

Ma ci sono 5 assi nella manica che una professionista del wedding deve assolutamente avere se desidera che i matrimoni organizzati siano coronati da sicuro successo.

Location da sogno :

se la vera bellezza sta nel dipinto che si ammira è innegabile che una splendida cornice non può che esaltare l’opera d’arte. Una terrazza con vista sulla città eterna, una spiaggia dalla sabbia dorata, una villa immersa nel verde vista lago. Le coppie di sposi sono sempre più esigenti in fatto di location e cercano luoghi incantati ed originali. Nell’agenda della wedding planner non può mancare un elenco di posti suggestivi e romantici che soddisfino tutte le possibili richieste.

Una grande borsa:

la borsa della Wedding Planner deve poter contenere un bel po’ di cose. Un quaderno dove prendere gli appunti, ago e filo, mentine e caramelle per possibili cali di zuccheri, spille da balia, schotch, penne e un paio di comode forbicine, utilissime ad esempio per tagliare il nastrino che tiene saldamente legate le fedi nuziali.

Dettagli:

cosa rende un evento indimenticabile? Infiniti dettagli. che implicano un certo impegno e tanto studio. Dalla palette di colori che deve essere armonica, alla grafica che deve rappresentare lo stile del matrimoni, al nastro di seta che lega il tovagliolo, allo scrigno portafedi e a tanto altro ancora. Un matrimonio si ricorda per le emozioni che le piccole cose e la cura dei dettagli riesce a suscitare.

Flowers Power:

i fiori sono un vero e proprio asso nella manica. La loro bellezza e poesia valorizza la scenografia di qualunque matrimonio. E se volete scoprire come scegliere l’allestimento ideale ecco 8 consigli su come fare. 

Superpoteri:

nell’ordine sono la telepatia, la preveggenza, l’invisibilità, l’empatia. Una brava wedding planner saprà anticipare i desideri degli sposi e dei loro ospiti, avrà un piano B per ogni eventualità, si renderà invisibile perché a brillare quel giorno siano solo gli sposi e infine ultimo ma non meno importante asso nella manica, saprà interpretare e farsi coinvolgere dalle emozioni.

 

Angela Bartolomeo Wedding Planner & Designer

 

READ MORE

5 ERRORI CHE UNA WEDDING PLANNER NON DEVE FARE

Quante volte abbiamo pensato che fare la Wedding Planner è il mestiere più bello del mondo! Realizzare sogni, questa è la mission di una professionista del matrimonio.

Ma fare bene questo lavoro richiede un grande impegno e non è raro che si possa incorrere in una serie di errori madornali che vanificano tutti gli sforzi fatti  fino a quel momento, per raggiungere un buon livello di professionalità.

Quali sono gli errori che definiscono  una pessima wedding planner?

Essere in ritardo:

Precisa, puntuale o meglio sempre in anticipo sui fornitori e sulla coppia di sposi. La wedding planner non può arrivare in ritardo, MAI . Deve avere il tempo di supervisionare il lavoro  dei suoi collaboratori e correggere il tiro laddove serve. Deve aspettare la sua sposa davanti alla chiesa, per rassicurarla e  sistemarle il velo, ed essere poi  sempre la prima ad accogliere gli ospiti nella location.

Non saper interpretare al meglio le esigenze del cliente:

Quando una wedding planner incontra per la prima volta la coppia di sposi la conversazione dovrebbe consistere nell’ascoltare con estrema attenzione i loro bisogni, il racconto del loro sogno e proporre le soluzioni più adeguate a realizzarlo. Una wedding planner professionista, illustra i servizi che è in grado di offrire ai suoi clienti, consiglia gli sposi, si occupa di tutti gli aspetti organizzativi, ma lascia sempre che le decisioni finali siano le loro, coinvolgendoli nel progetto di pianificazione, senza trasferire sugli sposini  la benché minima ansia o stress.

Voler far tutto:

La tuttologia non si addice a una wedding planner  professionista. In teoria potrebbe  occuparsi dei fiori, delle decorazioni  e perché no , potrebbe anche scattare le foto. Ma non si può fare tutto se si vuole organizzare un matrimonio in modo veramente professionale. Vuoi essere una Wedding Planner di successo? Devi rispettare le competenze di ciascuno. Devi essere un supporto per tutti i professionisti coinvolti, riuscendo a mantenere sempre una visione globale dell ‘intera organizzazione e delle tempistiche. E per questo è fondamentale avere una ottima formazione professionale. Ma  una brava wedding planner , deve rispettare il  lavoro dei collaboratori  e la loro area di azione perché il segreto è tutto lì : fare squadra.

Non investire sulla formazione professionale e sulla comunicazione:

La parola d’ordine è formarsi con continuità e scrupolo. Non solo corsi per wedding planner mirati a progettare un matrimonio in ogni singolo dettaglio, ma anche un corso che ti permetta di gestire la propria comunicazione sui social e sul web, a comprendere i bisogni degli sposi e arrivare ai clienti che più si desiderano, ad avere un brand riconoscibile e crearsi un portfolio di presentazione adeguato.

Essere protagonista :

L’errore più grave e che definisce una pessima wedding planner è sentirsi la star della serata. La perfetta wedding planner sa stare in disparte, dietro le quinte e lasciare tutto lo spazio agli sposi e ai loro familiari. Non indossa abiti appariscenti e non è mai autoreferenziale. Deve essere l’angelo custode della festa più bella nella vita di una coppia innamorata che ha coronato ( anche grazie al suo lavoro) il più bel  sogno d’amore.

 

Angela Bartolomeo Wedding Planner & Designer

 

 

READ MORE